31/03/12 - Rovigo - 11° Torneo Città di Rovigo PDF Print E-mail

XI° TORNEO INTERNAZIONALE CITTA’ DI ROVIGO

Stadio Battaglini 31 marzo 2012

*

Cavalieri partecipanti al Torneo: Cassani, Corinni, Cadè, Capalbo, Conti, Donati, Elies, Masini, Micco, Morasso, Parodi, Pizzagalli, Renzi, Rocca, Saturnino, Selva, Tabor, Zucchi nonchè Galiberti in effigie a cui vanno i migliori auguri di pronto rientro in squadra.

*

Una sparuta ma molto concentrata turma di Cavalieri, gli Omo’s, si diverte e porta a casa con facilità importanti risultati dal Polesine dove già grava un sole cocente reso sopportabile da una leggera brezza. Due tempi da 10 minuti per partita con arbitri catechizzati dall’organizzazione a contrastare e punire tutti i tentativi di controruck.

Assenti perché non ammesse le formazioni che nelle ultime edizioni del torneo hanno creato disagi ed imbarazzi per la loro esasperata ed esasperante tendenza alla violenta contestazione delle palle a terra. Quest’anno solo squadre emiliane, trivenete, lombarde, due romane ed i Cavalieri.

*

Bell’esordio di Massimiliano Cadè che non si è mai risparmiato facendosi valere in touche – dove Rocca ha fatto tutto quello che ha voluto – effettuando profonde percussioni e sparando micidiali placcaggi a tutti quelli che gli capitavano a tiro.

Bell’invenzione la cerniera mediana costituita da Capalbo e Tabor che hanno fatto venire il mal di testa agli omologhi avversari ed hanno messo e mantenuto costantemente la squadra sul piede avanzante.

Capitan Zucchi – sempre sia lodato – ha giocato le partite alla sua maniera: solo sostanza e niente orpelli o moccoli, irruenza difensiva e sostegno sempre ed a tutti i costi.

Donati oggi schierato a numero 8 ha ben dialogato coi vicini di casa Capalbo & Tabor contribuendo spesso alla creazione di malanni per gli avversari.

Cassani non ha sbagliato un placcaggio facendosi sempre trovare pronto a dare il giusto contributo in attacco.

Masini ha giocato sei partite essendosi dovuto dividere tra i Cavalieri ed il Monza ed è stato artefice di una bella prestazione.

Bravissimi tutti gli altri.

*

Cavalieri  3 - Old Blacks  0

Il primo incontro sul campo 3 con gli Old Blacks di Cesano Boscone, squadra numerosa, pesante e ben disposta al contatto fisico che nelle rare occasioni in cui l’ha posseduta ha fatto vedere di sapere come e cosa fare con la palla. Il risultato è giusto ma allo stesso tempo ingeneroso verso i nostri avversari; le mete di Morasso, Tabor e Capalbo li puniscono più di quanto meritassero. Quasi tutte le palle sono uscite veloci ed altrettanto rapidamente hanno raggiunto le ali che han sempre saputo come impiegarle al meglio. Da segnalare la splendida forma in cui versa Morasso, veloce e resistente come nei giorni migliori.

*

Cavalieri  0 – Bold  1

Il secondo incontro con i BOld di Cologno Monzese sul campo 2 è stata una continua guerra di trincea con inesausti tentativi delle due compagini di sfondare a spallate la linea del fronte. La vittoria poteva cadere da una qualsiasi delle parti e già a cinque minuti dalla fine Elies compie il miracolo di placcare dopo una lunga galoppata un avversario arrivato a due metri dalla nostra meta. Non riusciamo più ad uscire dai nostri 22 ed i Bold giocano alla mano con la mischia tutti i calci che gli concediamo. Nell’ultimo disperato tentativo la meta, fortissimamente voluta e quindi meritata dai lombardi. Le madonne snocciolate da qualcuno e certe colorite esclamazioni ingiuriose che in qualche momento hanno irrorato il campo stanno a significare che forse non s’è dato il massimo nello scontro, che c’era ancora fiato che si sarebbe potuto spendere meglio per spingere la vittoria verso i nostri colori.

*

Cavalieri  1 – Fossili Dolomitici  0

Il terzo incontro con i Fossili Dolomitici di Belluno, squadra a tasso di vetustà forse pari al nostro, sul Battaglini ammantato di verde come non mai. Squadre stanche con la testa più rivolta alle docce ed alla birra che alla partita. Tutti tentano di andare con rapidità a giocare al largo; in uno di questi tentativi andato a buon fine Rocca, nell’occasione schierato all’ala, eluso un avversario s’invola indisturbato in meta. Il risultato non è mai stato in discussione e la partita è stata amministrata dai Cavalieri senza affanno, con composta competenza ed alla fine incanalata nel giusto binario d’arrivo. Da segnalare, è proprio il caso di dirlo, la rabbiosa energia e l’aggressiva fisicità dimostrata in ogni dove da Ernesto Renzi.

*

Terzo tempo spettacolare, nei contenuti quantitativi e qualitativi del cibo e degli alcolici dispensati dall’Organizzazione, allietato da un paio di baldi giovanotti che, sottoposti a riti matricolari consistenti nell’apposizione di firme sui glutei, dopo mezz’ora di supplizio hanno fatto risplendere gli occhi a molte delle signorine presenti esibendo nastole da mettere in serio imbarazzo anche il nostro spudorato GB.

Rientro da copione, con colpi d’aria improvvisi e rumore di seghe elettriche in funzione, conclusosi qualche minuto prima delle ore 04.00 di domenica.

Ziotarzàn

 

Who's Online

    We have 1 guest online


Powered by Joomla!. Designed by: Free Joomla Template, Websytz hosting. Valid XHTML and CSS.