19/08/13 - il nostro Andrea Donati PDF Print E-mail

Ancora una volta ed a distanza di pochi mesi la pagina di benvenuto deve essere sostituita per l'ennesima tragedia.

 

 

Ci ha lasciato il nostro "ORSO" compagno di squadra Andrea Donati, compagno di mille partite, altrettante bevute ed infiniti ricordi. A questo si aggiunge anche la tragedia del giornalista Roberto Roncallo, da sempre sui campi per seguire il movimento rugbistico ligure a tutti i livelli, il cui figlio Daniele è perito in un tragico incidente.

 

Di fronte ad una tragedia come quella occorsa ad Andrea, che si aggiunge a quella di Michi, Stefano ed Ernesto............ @#!$%, basta!!!

Un sentimento comune a molti è certamente una immensa tristezza e senso di impotenza, ma anche la speranza che ciò che qualcuno ha scritto ("spero tu sia nel campo da rugby più bello del cielo") si possa realizzare.

Quelli che seguono sono i pensieri di alcuni ruggers che riassumono ciò che Andrea è stato per loro dentro e fuori al campo di gioco così come lo era per tutti noi che abbiamo avuto la fortuna, il piacere, l'onore di averlo avuto come compagno di squadra ed amico. Andrea, al prossimo placcaggio.

 

Andrea Donati

 

 

Prateria del Carlini, primavera 79.... Mio primo allenamento con il Rugby Club Ge.

Di quel giorno ricordo, oltre al mio eterno amico Marietto Fusco, l'incontro con i primi volti di quel gruppo del '67.

Andrea c'era già. Sembrava esserci da sempre.

Lui era già un giocatore di rugby a quell'età! Mi stupí e mi intimorí!

Qui c'é gente che fa sul serio, pensai... Si aggiunsero poi Fabio Servidei, Patrick, Villa, poi anche Lele Remaggi e tanti altri.

Bel gruppo quello raccolto da Begali. Begli anni.

Una costante c'era: Donati.

C'era sempre... Col suo testone sempre a cuocere in una mischia o una rack. Sempre lì. Tanti colpi. Il suo tipico caracollare, scrollarsi e riprendersi.

Cercavi il sostegno e c'era Donati.

Spesso ospite invadente nella linea dei trequarti (ma ti rubava la palla di mano!!!).

Poi le strade del rugby e della vita ci hanno allontanati. Lo trovavo peró ogni tanto coi Cavalieri e ci salutavamo con un abbraccio che sapeva sempre di quella nostra giovinezza. Una volta è stato anche mio paziente, per riparare ciò che i chilometri avevano usurato. Anche quella volta sembrava non patire nulla. Donati.

Ecco che cosa era Andrea per me. Un elemento costante, una presenza indistruttibile e a suo modo rassicurante nel mio rugby.

E dover ricordare tutto ció ora mi fa veramente incazzare.

Pietro Rettagliata

 

 

 

 

Se ravattate fra le foto pubblicate nel sito dei cavalieri ne troverete una che ritrae uno sparuto gruppetto di bambini vestiti con una maglia giallo canarino
Fra questi è riconoscibile il bimbo Andrea Donati
Il rugby dei bambini negli anni '70 era una improponibile sfida lanciata da vecchi pionieri (Ciappina roberto Fusco, Ghelardi) raccolta da qualche ragazzino sull' entusiasmo di un padre ex giocatore (io,mio fratello, andrea buffa) e da qualcun altro per predestinazione, illuminazione, passione nata non per contagio ma per attrazione fatale. Il mio ricordo di te, Andrea,è di un bimbo di non più di nove anni, un po timido ma già risoluto, su un vecchio Citroen Mehari mentre mio padre ci porta tutti a giocare una partita fra di noi, perché nemmeno esisteva un' altra squadra con cui confontarci. Mi dispiace cosi tanto amico mio.

Carlo Maria Galiberti.

 

 

 

faccio parte del coordinamento dei Ribolliti di Firenze. Sono venuto a conoscenza del grave lutto che vi ha colpito con l'inaspettata morte di Andrea Donati.

Io gioco soltanto da 3 anni ma me lo ricordo benissimo sia quando arrivo in ritardo a Firenze (vidi che aveva la borsa ma non me lo ricordo in campo) e soprattutto quando abbiamo giocato contro al vostro stadio. Ero in fuorigioco ed invece di "farmela pagare" mi guidò ad un comportamento corretto avendo probabilmente capito la mia inesperienza.

Chiedo di accettare le mie condoglianze personali e quelle di TUTTI i Ribolliti di Firenze.

Dario Di Feo

 

---------------------

Il rosario per Andrea è venerdì alle 17,30 e sabato alla 11,45 il funerale, entrambi presso la chiesa dell'Assunta in piazza Baracca.
I funerali di Daniele Roncallo si terranno venerdì 23 agosto alle ore 10,30 nella Chiesa di Sant'Ambrogio di Mignanego, località Vetrerie.

 

 

 

Who's Online

    We have 8 guests online


Powered by Joomla!. Designed by: Free Joomla Template, Websytz hosting. Valid XHTML and CSS.