12/12/2015 - Torneo Cogoleto in memoria di chi ha passato la palla PDF Print E-mail
Written by Administrator   


 


TORNEO IN MEMORIA DI CHI HA PASSATO LA PALLA


(Stefano Bianchi, Ernesto Renzi, Andrea Donati, Lele Remaggi)


Cogoleto, 12 dicembre 2015


 


OVVERO


 


LA LEGGE AL DI LA DEL LEIRA E’ AMMINISTRATA DAI


CAVALIERI DI SAN GIORGIO


 


*



Il rituale torneo per lo scambio degli augùri natalizi con le Orche si è arricchito quest’anno di una bella iniziativa che ha visto protagonisti a sé tutti i Sestresi sparsi nelle varie compagini liguri ed una valida rappresentativa imperiese che ha impreziosito il tasso tecnico dell’evento.


I Cavalieri di San Giorgio che hanno servito agli ordini di Franz Gropplero (Capitano di giornata) sono: Vassallo, Baldi, Casanova, Odone, Crotti, Repettone, Martino, Bagnara, Pizzagalli, Micco, Bus, Ratto, Bagnara, Bernardini, Maggiolo, Elies, Conti, Parodi, Capalbo, Tabor, Marchi, Pontiggia, Petronio, Felici, Boi, Morasso.


A bordo campo in veste di coordinatore l’acciaccato Carlo Galiberti, Capitan Zucchi (sempre sia lodato) a supervisionare ed il sempreverde Peter Van Zaam a farsi i cazzi di tutti.


L’incontro più spettacolare e pregno di contenuti atletici è stato quello con i Cugini rivieraschi che è terminato 3 a 2 in favore dei Cavalieri i cui colori hanno dunque guadagnato la giornata che ha corso il rischio di essere lordata dal Punico che – al grido di Sardegna Libera – si è cazzatombolato in un tentativo di rissa sedata sul nascere dall’accorrere di volenterosi pacificatori. L’atto sconsiderato del Ragazzo va senz’altro censurato senza “se” e senza “ma”. Dalla sua parte, sulla stadera, pende però l’attaccamento ai colori e la decisa volontà di vittoria che annebbiandogli la mente lo fa trascendere. L’autoconvocato Consiglio di disciplina – che terrà udienza da Vito mercoledi prossimo - si è riservata l’adozione di provvedimenti nei suoi confronti e nei confronti di quelli che, ingiustificatamente, continuano a disertare le partite.


Un elogio a parte per l’indefettibile Alberto Crotti (classe 1956) che ha onorato i colori arlecchini con una prestazione di grande sostanza.


Ottimo il terzo tempo con polenta e baccalà, adeguati alla frescanzana che ha martellato per tutto il pomeriggio il campo di gioco ed i suoi dintorni.


 

 

Who's Online

    We have 20 guests online


Powered by Joomla!. Designed by: Free Joomla Template, Websytz hosting. Valid XHTML and CSS.