07/05/2016 - XV Torneo Internazionale città di Rovigo PDF Print E-mail
Written by Administrator   

 

 


Rovigo, 7 Maggio 2016


Partecipanti : Stefano Rocca Fabrizio Corinni Massimo Zucchi (Capitano , sempre sia lodato) Enrico Selva Ferdinando Saturnino Fabio Nardi Giorgio Repetto Paolo Torre Francesco Gropplero Alberto Crotti Andrea Felici Francesco Solazzo Andrea Petronio Chicco Municchi Claudio Micco Carlo Galiberti Claudio Conti Lucio Arnulfo Enrico Mantovani Antonio Elies Massimo Razore


Caddero sul campo : Selva Enrico e Conti Claudio


Violarono la meta avversaria : il Punico , Mantovani e Gropplero.


Ebbene, come tutti ben sapete ho poche idee su rugby e comunque confuse, ma una certezza ce l’avevo: passati i 14 anni si gioca in 15 ma anche questa certezza è andata. Il primo tempo della prima partita , con i simpatici Passatelli, si è consumato nel peurile tenativo di determinare l’esatto numero dei presenti sul campo , giunti a 14 la squadra è parsa soddisfatta e cosi ha giocato. Alcuni astanti, peraltro, cercavano di facilitare la conta assumendo quanto piu una posizione statica mentre l’avversario trotterellava indisturbato verso l’area di meta.


E poco dopo ecco un’ altra certezza andare in frantumi: l’idratazione durante lo sport è importante. Cazzate ! Che nessun beva tuonò il Punico! E la squadra basita ma obbediente non bevve. Cosi si è consumato il primo incontro; non fece tanto mal il risultato quanto lo sbellicarsi delle risa degli avversari e dello sparuto pubblico.


 Ma il Capitano (splenda per sempre il suo nome nell’Olimpo dei rugbysti emeriti) ha ricompattato la squadra che ha riacquistato fiducia e dignità, ma ahimè non la vittoria nel seguente incontro con i Veci di casa e ha finalmente prevalso con i Fiorentini nell’incontro finale.


 Tuttavia sarebbe superficiale ritenere la giornata finita con la fine degli incontri. Sugli spalti, mentre la squadra assisteva all’incontro del Rovigo contro “i resti” si sono svolte le riprese di una puntata speciale di “malattie imbarazzanti” che andra presto in onda su Cielo, un po difficile da seguire, forse, per il largo uso di terminologia medica-specialistica. A seguire da un’intervista-verita sul turismo nel Canton Ticino e sulle usanza di ospitalita locale.


 Ed infine un tripudio al terzo tempo. Pittoreschi gli aperitivi , quello verde e quello rosso , egualmente offensivi per il palato e differenti solo per il colore. Caratteristica la colonna sonora, simpaticamente altalenante tra il militar-nostalgico e il vetero partigiano per poi scivolare sul karaoke neo-melodico dopo un richiamo pieno di buon senso da parte di un fulgido esempio di morigeratezza e buone maniere che vestiva una maglia nera, la bandana col teschio e la benda sull’occhio.


Vorrei infine porgere un saluto tradivo al Principe del Foro che cosi bene ci ha rappresentati in una difficile arringa in difesa del vero rugby contro le degenerazioni toscane.


Carlo, ho provato a salutarti prima di lasciare il tendone, ma eri troppo preso dal turbine oratorio. Ho chiesto alla squadra se fosse stato opportuno supportarti nella difficile discussione ma ho ricevuto un corale e fermo diniego : tutti erano certi che tela saresti cavata benissimo da solo ! E cosi è stato, il guanto della sfida è stato gettato e  la costruzione delle prime fortificazioni in cemento armato, delle trincee e il posizionamento dei cavalli di Frisia è gia cominiciato sulla tappeto finto-erboso dello stadio di casa.


Cordiali Saluti

APE

 

 

 

Who's Online

    We have 9 guests online


Powered by Joomla!. Designed by: Free Joomla Template, Websytz hosting. Valid XHTML and CSS.